O Germania,

le tue strade perfette

portano tutte lontano da Roma,

la cattiva maestra che conosce

una sola lezione

e non sa più spiegarla.

Tu invece ricordi ogni parola, soffri

e ritrovi

le ragioni di oggi in un allora.

La barbarie di sempre non svanisce

né qui né altrove: ma tu chiedi perdono,

tu chiedi al cielo il vento

per le tue mille torri di cemento,

per le selve

sterminate

di Turingia.