Locandina La doppia ora

“La doppia ora” di Giuseppe Capotondi – Italia, 95′ 

La doppia ora, primo lungometraggio di Capotondi, è una storia d’amore travestita da thriller,  incentrata  tra l’ex poliziotto Guido (Filippo Timi) e la cameriera slovena Sonia (Ksenia Rappoport ),  che inizia con una velocità  continua  e un’intensità inaspettata,  fino a quando Guido  muore durante una rapina in villa  dove lavora come guardia. Sonia è un personaggio in ombra, che si muove in uno stato di disorientamento tra sogno e realtà. Guido è un uomo buono, ma deluso. Due  giovani, catturati tra l’amore e il sospetto. Entrambi hanno fluttuanti storie, identità e motivazioni.

Sembra che la scelta del regista si sia diretta verso la forma audace del genere puro, senza particolari pretese metaforiche o dell’autore, ma flirta apertamente con elementi di thriller fino a diventare, a volte, un horror paranormale, un noir psicologico e film poliziesco.
Co-scritto da Alessandro Fabbri, Ludovica Rampoldi e Stefano Sardo, la storia si sviluppa ben presto in aspetti molteplici e inaspettati: l’evento chiave della rapina innesca un processo complesso e originale , e la narrazione, con curve e tornanti e continue rivelazioni.

Capotondi, che ha già fatto decine di video musicali e pubblicità televisiva, ha detto che il film il è “una storia d’amore travestita da film di genere”, per il quale ha utilizzato “tutti gli stilemi di un thriller nel raccontare la storia di due persone che non riescono a cogliere la loro seconda chance. C’è la scena  ‘horror’ nella vasca da bagno, l’uso di monitor a circuito chiuso, una donna sepolta viva: tutti gli elementi tipici del classico film di genere, che abbiamo comunque utilizzato per indicare un altro storia “.

Cinemagora

Il film è stato presentato  nella selezione ufficiale a Venezia: Coppa Volpi per la migliore interpretazione femminile: Ksenia RAPPOPORTe  nella sezione Contemporary World Cinema di Toronto.
vedi trailer